Accedi

Login to your account

Username *
Password *
Remember Me

Diventare un buttafuori non è una scelta arbitraria, il buttafuori è una professione riconosciuta a tutti gli effetti e, in quanto tale, deve essere svolta da un professionista in possesso dei requisiti, fisici e formativi, richiesti e previsti dalla normativa. Per essere considerati buttafuori a tutti gli effetti, e per poter, quindi, svolgere questo lavoro, si deve essere iscritti negli appositi elenchi detenuti nella prefettura di competenza.

L’iter per l’iscrizione prevede la presentazione di una domanda, dove, oltre ai dati anagrafici del richiedente, viene attestata la presenza di determinati requisiti necessari, e la frequentazione di un corso che introduca la persona alla professione.

Il compito principale del buttafuori è il mantenimento dell’ordine nel locale aperto al pubblico dove sono chiamati a svolgere il servizio, è nelle loro competenze allontanare persone fastidiose o moleste e rilevare la presenza di sostanze illecite o di materiale pericoloso all’incolumità o alla salute delle persone.

 

Requisiti

Per essere iscritti all’albo degli addetti ai controlli – come previsto nel Decreto del Ministero dell’interno del 1 dicembre 2010, n.269 – la persona deve essere in possesso dei seguenti requisiti:

  • Età non inferiore ai 18 anni
  • Idoneità psicofisica per lo svolgimento delle attività di controllo – di cui all’art.5
  • Assenza di uso di alcool e stupefacenti – accertate previo visita medica preassuntiva effettuata dal medico competente o dal dipartimento di prevenzione della A.S.L.
  • Non avere condanne - anche con sentenza non definitiva – per delitti non colposi
  • Non essere, ne essere stati, sottoposti a misure di prevenzione – quindi non essere stati destinatari di provvedimenti di cui all’art.6 della legge 13 dicembre 1989, n. 401
  • Non aver aderito a movimenti, associazioni o gruppi organizzati – di cui al decreto legge 26 aprile 1993, n.122, convertito dalla legge 25 giugno 1993, n.205
  • Diploma di scuola media inferiore
  • Superamento del corso di formazione

I requisiti psicofisici devono obbligatoriamente essere comprovati da documentazione medica presentata alla prefettura, la documentazione ha validità biennale, scaduti i termini il personale dovrà provvedere al rinnovo degli accertamenti.

 

Corso per exButtafuori

In seguito alle disposizioni dettate dal Decreto del Ministero dell’Interno del 6 ottobre del 2009 sulla G.U.R.I. n.236 del 9 ottobre 2009 e del successivo Decreto del 17 dicembre 2010, l’iscrizione nell’elenco della Prefettura del personale “Addetto ai servizi di controllo delle attività di intrattenimento e di spettacolo in luoghi aperti al pubblico o in pubblici esercizi” è resa obbligatoria del 1 luglio 2011.

Per poter completare l’iscrizione agli elenchi prefettizi, oltre agli altri requisiti necessari, è obbligatorio presentare un certificato regolare di Perfezionamento e Qualifica, che verrà rilasciato dagli organi competenti e riconosciuti, dopo la frequentazione del corso di formazione.

Il programma del corso, generalmente, prevede il trattamento di materie legislative - relative all’ordine e alla sicurezza - disposizioni di legge e regolamenti che disciplinano le attività di intrattenimento al pubblico.

Il corso ha come fine la formazione di persone professionali e coscienti delle funzioni, delle competenze e dei campi d’azione previste per lo svolgimento del servizio, cercando, fin dove possibile, di dare anche nozioni che permettano una buona gestione di situazioni di emergenza attraverso lo svolgimento di lezioni di primo soccorso ed intervento, di mediazione e di autocontrollo.

Articoli correlati (da tag)