Accedi

Login to your account

Username *
Password *
Remember Me

Centralino e smistamento chiamate

Il lavoro di centralinista è un servizio che viene svolto molto spesso da dipendenti di istituti di vigilanza, che oltre a questo forniscono anche la sorveglianza agli accessi nella struttura dove sono chiamati a svolgere tale lavoro. Non che ci sia stretta necessità nell’affidare il ruolo di centralinista ad un vigilante, chiaramente non armato, ma in molti casi questo servizio viene offerto dalle agenzie e richiesto dai committenti in associazione con il servizio di piantonamento diurno e controllo delle entrate e delle uscite.

E’ un lavoro che trova particolare utilità soprattutto nelle aziende dove vengono accolti clienti, collaboratori o fornitori, in questo caso l’operatore di turno oltre a regolamentare le entrate e le uscite, controlla anche l’effettiva autorizzazione ad entrare negli uffici, risponde alle chiamate e le smista verso l’ufficio competente.

Il semplice lavoro di centralinista richiede la sola iscrizione alle liste prefettizie, senza particolari requisiti fisici ne l’autorizzazione al porto d’armi.

Per svolgere tale lavoro non è obbligatoria l’iscrizione alle liste prefettizie ma, in questo caso, fornisce una sorta di garanzia per chi deve assumere, visto che per essere iscritto alla lista e per essere, quindi, assunto da un istituto privato di vigilanza è necessario mantenere un certo rigore ed un determinato stile di vita.

 

Centralino e guardia non armata

Per svolgere il lavoro di centralinista non sono richiesti particolari requisiti, ne conoscenze, visto che si tratta di un servizio che non richiede alcuno sforzo fisico né abilità mentali, eccezion fatta del caso in cui a questo si voglia affiancare anche un servizio di controllo.

In tal caso, sarebbe ideale richiedere tale lavoro ad una un vigilantes appartenete ad un istituto di vigilanza privato, regolare e conosciuto.

L’istituto di vigilanza prima di assumere personale è tenuto ad una serie di esami e controlli, che garantiscano sulla condotta della persona, il superamento di questi esami permette l’iscrizione, obbligatoria, alle liste prefettizie che conferiscono ufficialità al ruolo di vigilante.

Tutte queste informazioni, reperibili da chiunque, oltre ad autorizzare una persona allo svolgimento di questo tipo di lavoro, conferiscono una certa sicurezza per chi dovrà usufruire dei suoi servizi.

Un altro compito che ben si sposa con il servizio di centralino e smistamento chiamate è quello di portierato, per cui oltre a sorvegliare lo stabile, svolgere piccoli lavori di manutenzione , prendere la posta e controllare le persone che entrano ed escono fungendo da filtro, può, nei casi in cui il condominio sia predisposto, prendere le chiamate di inquilini assenti e farsi carico di riferire messaggi importati.

 

Centralino e guardia armata

Differente situazione si prospetta per chi oltre ad un servizio di presa in consegna delle chiamate in arrivo, richiede un servizio di sicurezza.

Generalmente in questi casi si chiama a svolgere tale ruolo una Guardia Particolare Giurata.

La Guardia Particolare Giurata, oltre ai vari requisiti necessari richiesti anche per le guardia non armate come ad esempio l'iscrizio alle liste prefettizie e la buona condotta comportamentale, possiede regolare autorizzazione al porto d'armi, per cui è in grado di svolgere un lavoro di sicurezza e prevenzione molto più efficace rispetto una vigilante semplice.

Questa figura è presente con maggior frequenza negli istituti pubblici, dove oltre alle chiamate di persone esterne, filtra gli accessi agli uffici solo di persone autorizzate.